UN GRANDE CHEF, PAUL BOCUSE, CI LASCIA…

Un altro mito della cucina ci ha lasciati.
Pochi giorni fa il nostro Maestro Gualtiero Marchesi, ora avrà un compagno di maestria nel cielo…. Cucineranno insieme insegnando agli angeli che anche la cucina può esser paradisiaca….o litigheranno??
Ciao MAESTRO
Ciao CHEF PAUL BOCUSE.

Gualtiero Marchesi, le cucine Italiane piangono il Maestro.

Un Artista, ecco come si sentiva e chi può dire il contrario, ogni suo piatto era un opera d’arte, le sue Idee, le intuizioni, le tecniche,  è questa la vera eredità di Marchesi, che va ben oltre i pur geniali risotti con foglia d’oro o ravioli aperti.

Il Maestro, cosi lo chiamavamo tutti, il maestro della cucina Italiana ci ha lasciato una grande eredità, sta a noi portare avanti i suoi insegnamenti,

Le sue parole rimbombano ancora nelle cucine, come la famosa rivolta alla guida Michelin, “Quando polemizzai con la Michelin lo feci per dare un esempio, per mettere in guardia i giovani affinché capiscano che la passione per la cucina non può essere subordinata ai voti. So per certo, invece, che molti di loro si sacrificano e lavorano astrattamente per avere un stella. Non è né sano, né giusto.” Parole vere, correre dietro a una stella che non porta rispetto alle cucine Italiane ma osanna la Francese, basta guardar le poche stelle in Italia  dello scorso anno contro le 25, ma ce ne son tante, come questa;
“Ciò che più m’indigna è che noi italiani siamo ancora così ingenui da affidare i successi dei nostri ristoranti a una guida francese, nonostante i passi da gigante che il settore ha fatto.”

Ciao Maestro,
Ora riposa tra le stelle, tutti riconosceranno la tua, sarà la più lucente.
E  questa tua frase dovrebbe esser esposta in tutte le cucine:
“Quando mi tolsero la terza stella il mio commento fu… ad ogni stella che cade esprimo un desiderio”
Riposa in pace Maestro.

 

 

CORSI DI CUCINA IN INTERNET?

Ma vogliamo essere seri?
Perchè rubare soldi alla gente dicendo che saranno dei professionisti nelle cucine con un corso WEB?
Anche Antonino Cannavacciuolo ci mette la faccia?
NO NON CI CREDO.
Come si fa sentire sapori, odori, capire il sistema di preparazione che, solo con la realtà si può avere, l’assaggio, come lo facciamo, tramite nuove APP create apposta?
MA LA FINIAMO DI PRENDERE IN GIRO LA GENTE?
LA CUCINA PROFESSIONALE E’ UNA COSA SERIA, NON LA SOLITA BAGIANATA DEL WEB, MA SIAMO IMPAZZITI?
Mi chiamano per consigliare se un corso web serve…
NO… NON SERVE A NIENTE, risparmia e prenditi 10 libri dei migliori CHEF. ma nemmeno Italiani, quelli FRANCESI……
Sono sempre più senza parole, nauseato di quello che succede, tra TV e WEB….. si sta rovinando totalmente una professione che… non è nemmeno riconosciuta in questo paese di MALFATTORI.

Ricordiamoci che il CUOCO non ha professione, ma è un OPERAIO generico con specifica.

L’Italia è piena di gente che truffa, poi si lamentano dei politici…..
Ognuno ha quel che si merita….

Un consiglio per chi cerca lavoro….

Fate un video Curriculum vitae.  vale più dello scritto, credetemi.
Se non sapete come farlo noi dell’Unione cuochi vi aiuteremo a farlo,
Cosa costa? niente, solo l’iscrizione per essere uniti in altre battaglie tipo ,
1° Riconoscimento della professione
2° riconoscimento del lavoro usurante
3° riconoscimento delle malattie professionali e son tante….
4° un contratto di lavoro meno tassato e quindi più alto.
5° l’età pensionistica a 60 anni o dopo 35 anni
6° avere un patentino dopo i 15 anni di lavoro come CHEF.
Tutti insieme le possiiamo ottenere.

Uniti si vince, entra con noi.

http://www.unionecuochi.it/iscrizioni/

Intossicazioni nei ristoranti. Richiediamo un patentino per i cuochi ed i ristoratori

Si leggono migliaia di articoli per intossicazioni nei ristoranti, la maggior parte son locali etnici, ma nel 2017 possibile che succedano queste cose?
Poca pulizia? poca attenzione nella conservazione? frigoriferi non adeguati? cuochi improvvisati?
Chi ci rimette in tutto questo? Ristoratori onesti e cuochi professionisti che con passione fanno un lavoro stressante e usurante, è giusto tutto questo?
Dobbiamo avere sicurezza nelle cucine, un patentino a chi opera in cucina, ma anche per i ristoratori, ecco quello che ci vuole, salvaguardare la salute dei commensali che entrano nei ristoranti per rilassarsi ed assaporare le specialità
Italiane è un dovere, un obbligo.
Se andiamo in Google basta scrivere; “Intossicazione al ristorante” e si aprono migliaia di pagine, ma non è possibile tutto questo, rischiamo che le persone non vanno più a mangiar fuori per paura di star male,  è giusto tutto questo? E per colpa di chi? di persone poco qualificate, di gente senza scrupoli che vende prodotti avariati, o mal conservati,  e ci sarebbe da scrivere per ore.
Se non ci si riunisce E si discute di questi problemi ci rimettiamo tutti.
Non è giusto, c’è gente che ama il proprio mestiere e altra che ha investito la sua vita in un attività.
Patentino subito per chi lavora con il cibo.

2 Parole a voi….

Solo 2 parole…
Tanto per essere chiari ….
UCI è nata per dare un aiuto ai lavoratori del settore turismo, cuochi, camerieri, lavapiatti, maitre, pizzaioli, direttori ecc.ecc, ma anche a ristoratori e albergatori che cercano personale serio.
L’Associazione Sindacale Unione Cuochi Italiani, cioè noi, non siamo OBBLIGATI a farci il mazzo e a rispondervi sempre a messaggi o telefonate per consigli o aiuti, ma lo facciamo, io in particolare, e non OBBLIGHIAMO NESSUNO ad iscriversi all’associazione, ma se un associazione vi fa trovar lavoro, o vi da consigli, almeno un grazie ci spetta no?
Abbiamo chiesto di iscrivervi, secondo voi perchè?
Semplice, è diventato ingestibile il tutto, e le spese son tante, ci vuole un controllo continuo, senza un controllo va tutto in cacca…..diventa la solita associazione farlocca, quanti truffatori che vi chiedevano 200 euro per trovarvi lavoro e poi non esistevano nemmeno quei lavori… noi ne abbiamo denunciati 12 e per chi lo abbiamo fatto? PER VOI….
Vi abbiamo chiesto di iscrivervi alla nostra associazione, anche come soci sostenitori, son 10 euro all’anno, non sono milioni, ma a noi ci farebbero pagare delle persone che stanno dietro alle vostre email, ai vostri CV, a chi ci richiede consigli, aiuto, o aziende che ci chiedono di continuo personale serio, o consigli per le loro attività, e seguire il gruppo con piu’ serietà, pagare l’affitto, luce, telefono…
Non siamo qui per arricchirci, tutti noi dell’U.C.I. abbiamo il nostro lavoro e/o le nostre attività.
L’associazione è nata per richiedere la professione riconosciuta dallo stato, il riconoscimento come lavoro usurante e per salvaguardare la nostra cultura culinaria Italiana nel Mondo.
Non stiamo giocando, non facciamo feste, (magari le faremo) non diamo medaglie a chi non le merita o attestati inutili, stiamo aprendo anche una scuola di cucina, dove si potranno fare dei corsi di aggiornamento specifico con grandi professionisti, ma tutto questo ha un costo…
C’è uno studio legale che vi segue se avete bisogno, uno studio di commercialisti che vi puo’ dar consigli, non è una cosa campata in aria, è seria.
Ma voi?
Nemmeno un grazie se trovate lavoro o personale…
ne voi ristoratori ne voi che cercate lavoro…
Non è giusto, e, a dirvi la verità, più passa il tempo e più mi chiedo…..MA CHI ME LO FA FARE….
Non mi arrendo, ci credo, e prima o poi saremo professionisti e non più OPERAI senza nessun diritto.
Ma abbiamo bisogno anche di voi.
Da soli in 4 gatti non si fa niente……
Un caro saluto
Luca Mora
Presidente e fondatore U.C.I.
www.unionecuochi.it