“Unione Cuochi Italiani”

Condividi

http://www.liquidbusinessformula.com?affcode=NN90899Sulla Gazzetta Ufficiale del 26/01/2013 veniva pubblicata e resa operativa a tutti gli effetti la Legge n. 4 del 14/01/2013 inerente Disposizioni in materia di professioni non organizzate.

In data 13/04/2013 veniva fondata U.C.I. Unione Cuochi Italiani in forma di Associazione Sindacale e con l’intento di recepire la Legge 4/2013 per dare principalmente alla categoria dei Cuochi la possibilità di essere riconosciuti come Professionisti in Associazione.

Dopo quattro anni di lavoro ed incertezze, abbandoni e ritorni, le negatività del mercato, un EXPO 2015 che ben poco ha dato alla Ristorazione e all’Accoglienza sia a livello economico, che a livello culturale ai visitatori che hanno potuto solo godere del solo mordi e fuggi della visita alle strutture con ore di code.

Oggi Unione Cuochi Italiani apre le porte a tutto il Personale Professionista che opera nel settore della Ristorazione e dell’Accoglienza, nella certezza che, finalmente, Ristoratori e Clienti possano godere di un servizio, e/o di un prodotto, preparato da Professionisti Qualificati e Controllati.

Requisiti per l’iscrizione a U.C.I.

  • Avere conseguito un Diploma a qualsiasi indirizzo, presso un qualsiasi Istituto Tecnico Professionale Alberghiero Legalmente Riconosciuto dallo Stato Italiano;
  • Attestato di Frequenza Professionalizzante per uno o più settori di ristorazione e/o accoglienza, conseguito presso Strutture Istituite dalla Regione di Residenza e legalmente riconosciuto;
  • In alternativa avere lavorato nella medesima posizione (Cuoco, Aiuto Cuoco…) per almeno 10 (dieci) anni indipendentemente dall’indirizzo di studio;
  • Il Personale Generico operante nel settore Ristorazione e Accoglienza può presentare un semplpice C.V. specificando le mansioni ricoperte.

“L’associazione Professionale Sindacale è aperta a tutto il personale operante in una Brigata di Cucina, in una Brigata di Sala, in una Brigata Bar ed è aperta anche a Pizzaioli nonché a tutto il Personale Generico operante nell’ambito della Ristorazione e dell’Accoglienza.”

 

  • L’associato, se Ristoratore, avrà diritto di esporre presso il proprio locale il certificato d’iscrizione;
  • L’associato, in qualità di Operatore del Settore, avrà diritto di esibire la propria tessera o di inserire l’iscrizione per l’anno in corso nel proprio CV;
  • Tutti gli associati hanno la possibilità di accedere ai servizi offerti sul sito a titolo gratuito o a costo concordato per convenzione con i vari prestatori di servizi esterni alle attività sociali;
  • Tutti gli associati hanno facoltà di partecipare a Corsi di Aggiornamento organizzati dall’Associazione per l’aumento degli standard qualitativi proposti nei rapporti Datore di Lavoro/Dipendente e, Ristoratore/Cliente Consumatore; Il Socio ha l’obbligo di partecipare ad almeno 1(uno) dei corsi organizzati dall’Associazione;
  • Si può definire “associato” colui che versa regolarmente, all’iscrizione o alla scadenza annuale, la quota di iscrizione fissata in € 50,00, € 30,00, € 20,00 in base alla categoria di appartenenza e € 10,00 per i soci sostenitori; annuali con scadenza al 12° mese dalla data d’iscrizione.

Chiarimento: “è consumatore colui che, da privato, affida ad un ‘professionista’  qualsiasi incarico da espletare con perizia e capacità”. Quando un Cliente entra nel Vostro Ristorante si aspetta di essere servito da Professionisti.

Scopo dell’Associazione (come da statuto non è a scopo di lucro) è di adempiere alla Legge 4/2013 (la quale si propone di regolamentare le professioni non organizzate, ovvero, quelle che vengono diffusamente riconosciute come “le professioni senza albo”), pertanto di riempire quel vuoto che rende il Personale Operante nella Ristorazione e nell’Accoglienza, il ruolo di “Semplice Operaio“.

La normativa descrive e predispone le linee guida per dare una collocazione alle attività di quei professionisti che non sono iscritti e compresi in ordini o collegi e che svolgono attività assai fondamentali in campo economico e che possono consistere nella prestazione di servizi o di opere a favore di terzi e che sono esercitate abitualmente e prevalentemente mediante lavoro intellettuale, o comunque con il concorso di questo.

Stiamo predisponendo la modulistica di iscrizione dell’Associazione U.C.I. Unione Cuochi Italiani al M.I.S.E. (Ministero delle Infrastrutture e dello Sviluppo Economico).

L’inserimento negli elenchi delle Associazioni riconosciute dal M.I.S.E. non ha come obiettivo principale l’ottenimento di una forma di Riconoscimento Ufficiale da parte degli organi Statali sia dell’Associazione che del singolo Iscritto, ma garantisce al consumatore l’impegno preso da parte dell’Associazione che il proprio iscritto è qualificato per l’attività per la quale si presenta e, quindi che il servizio che verrà svolto è un servizio con una filiera di qualità controllata.

Ora hai un’ottima ragione in più per Iscriverti  a U.C.I. Unione Cuochi Italiani

Condividi